Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando ad utilizzare questo sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies sul tuo dispositivo come descritto nella nostra . Informativa sui cookie.
Prenota ora
+39 3355270432
Prenota ora

Eventi

18475141

Eventi


  • 19 marzo, tradizionale Torciata di San Giuseppe. E’ un evento che si svolge in coincidenza con la fine dell’inverno, per festeggiare l’arrivo della primavera e coinvolge, da attori e da spettatori, la popolazione di Pitigliano. Teatro della rappresentazione è il Centro Storico del paese. Figuranti in costumi quattrocenteschi danno luogo al Corteo Storico. Accompagnati dagli sbandieratori si dirigono verso Piazza Garibaldi dove, nei giorni precedenti l’evento, viene issato un pupazzo di canne, rappresentante l’inverno, in dialetto l’invernacciu. I figuranti si schierano sulle scale del Palazzo Comunale e gli sbandieratori si esibiscono intorno all’invernacciu. Al crepuscolo, al segnale di tre squilli di tromba, quaranta torciatori, vestiti di sai, iniziano a risalire verso il paese partendo dalle Vie Cave del Gradone, lungo il fiume Meleta, risalendo per la Selciata, antica via di accesso al paese, portando in spalla fascine di canne accese. Il corteo dei torciatori, alla testa dei quali i portantini con la statua del Santo, entrano nella piazza. I torciatori si dispongono intorno all’invernacciu e, dopo la benedizione, ponendo le loro torce accese alla base del pupazzo, danno vita ad un enorme falò, intorno al quale si forma il girotorno dei torciatori. Consumato il fuoco, le ceneri vengono raccolte dalle donne e conservate nelle case in segno di buon auspicio. Durante la festa vengono degustate le tradizionali frittelle di San Giuseppe di Pitigliano.


  •  in giugno, festeggiamenti in onore di San Paolo della Croce alla frazione Casone


  • in agostoPetilia Festival (l’incanto dei luoghi, il vino, la musica)


  • 16 agosto, festeggiamenti in onore di San Rocco, patrono del paese.


  • primo week-end di settembre (solitamente giovedì, venerdì, sabato e domenica): si celebra il nuovo vino con la caratteristica apertura delle cantine ( o “cantinelle”): gli abitanti del luogo organizzano veri e propri banchetti all’aperto, nelle terrazze o lungo i vicoli del ghetto, con carni alla brace, piatti tipici, vino locale e intrattenimento musicale. Ogni cantinella è caratterizzata da un nome (ad es. cantina infernu, cantina del ciclista etc…) e decorazioni a tema, con festoni e molto altro ( persino motori, nel caso della cantina pistoni roventi). Questo evento attira turisti ed abitanti dei paesi vicini.


  • prima metà di settembre, festeggiamenti in onore di Maria santissima delle Grazie


  • 29 settembre, fiera annuale


Close